Tose Proeski e Anna Tatangelo

Ebbene si, è plagio! Il nostro cantante macedone ha copiato paroparo il ritornello di "essere una donna" della ceca di napoli  nella sua canzone "moja". Ascoltare per credere!

Posted in Balkanate | 114 Comments

Vatreno ludilo

Un pensiero per la nostra Croazia: per noi hai vinto gli europei :) 

  

Zajedno smo bili 98. Svijet je čuo za nas, I još nam sjaji bronze sjaj, Kada padali su Japan, Nizozemska, Rumunjska, Njemačka I sada deset godina posli, Opet ista nada, Isti imamo san, Spremam stvari, ruksak, rebe, a na prsima šahovnica, šahovnica, šahovnica, Vatreno ludilo kad krene, Vatreno, Sve neka gori kad kroz vene Crven bijeli plavi krene Crven bijeli plavi krene I sada deset godina posli, Opet ista nada, Isti imamo san, Imamo karte, ruksak, rebe, A na prsima šahovnica, šahovnica…

Comments Off

Cevapko

Qualcuno di voi sa dirci dove lo possiamo trovare?

http://www.youtube.com/watch?v=luX7UZKZC-U

Posted in Generale | 175 Comments

Zagreb se bori

L’allenatore della nazionale croata, Slaven Bilic,  (quel popò di muskarac nella foto)ammette di  caricare i tifosi croati (ahimè)  con canzoni ustascia, filo-nazi. E’ con immenso dolore e delusione per la squadra croata che, per dovere di cronaca, vi riportiamo l’articolo dell’agenzia Tanjug.

 

Lo ha ammesso lo stesso tecnico croato: "Ho visto che i miei giocatori
non erano del tutto contenti. Allora ho messo la canzone e ho detto
cantate". Ai suoi giocatori il ct ha fatto ascoltare "Lijepa li si" di quel minchione pseudocantante filo-nazista Marko Perkovic, alias Thompson.

Pochi mesi fa, un ispettore della polizia a Zagabria,  aveva denunciato Thompson per alcune frasi discriminatorie ai danni di minoranze "etniche" che avrebbe pronunciato durante un suo concerto ( e che sono ovviamente contro l’ordinamento croato e le sue leggi: 174 comma 1 e 3). Ebbene, l’ispettore di Polizia che effettua la denuncia  viene multato e licenziato. La signora "democrazia" pare che mieta vittime anche nelle irredentissime terre e nelle regioni limitrofe. Leggi qui! (se ci riesci)…

Ma in quel di Zagabria, fanno sentire le loro voci anche i giovani antifascisti, che hanno reagito con un corteo (tenutosi lo scorso 2 giugno) ed altre iniziative che potete consultare sul loro sito Udruga mladih antifašista grada Zagreba! Svaka im cast!

  

 

Posted in Generale | 52 Comments

Un omaggio al maresciallo

….Un omaggio al maresciallo a una settimana dal suo compleanno…

Posted in Generale | 60 Comments

La repubblica delle trombe

Lunedì 26 maggio
a Torino ore 21.30
Circuito Documé – Cineteatro Baretti
via Baretti 4 – Torino – telefono 011-66.94.833
In presenza degli autori Stefano Missio e Alessandro Gori
www.docume.org
 


Gvozden Rosic,
capo orchestra di un gruppo di suonatori in un piccolo paesino agricolo
nel cuore della Serbia, si prepara alla più grande competizione
di ottoni d’Europa. Usata per suonare l’attacco in guerra, la tromba
ha perso la sua valenza militare ed è diventata parte integrante
della vita del popolo serbo, suonando per la nascita di un bambino,
per l’inaugurazione delle nuove case fino ad accompagnare il morto nel
suo ultimo viaggio.

 

 

Posted in Turin | 185 Comments

Le vostre eroine sono tornate…

Pensavate di esservi sbarazzati di noi?  Dormite  sonni  agitati  aspettando il  nostro ritorno  sul  Wide  Wild  Web???  Evo nas! La nostra esuberante modestia è tornata a farvi compagnia, non solo con le nostre vocine. Sì, fra un boccone di prosciutto e melone e l’altro, abbiamo deciso che era giunto il momento di aggiornare il nostro blog, sebbene non sappiamo molto bene cosa dirvi…o meglio, non sappiamo da dove iniziare…  Innanzitutto la fotografia si riferisce a un momento di romanticismo a Ljubljana, durante la nostra ultima trasferta in occasione del concerto dei Bijelo Dugme. Ma non voglio togliere a Dajana l’onore di raccontarvi ogni minuto del concerto più bello delle nostre giovani vite.  Pensiamo piuttosto al fatto che ad accoglierci al nostro ritorno in Patria Europea c’era il "nuovo"  premier. Si meditava dunque la fuga all’estero.  Peccato che anche i destini dei cittadini serbi siano avversi: proprio oggi si tengono le elezioni in Serbia e i primi sondaggi danno come vincitori i radicali di Nikolic. Di conseguenza non so più dove andare in esilio :) Di seguito qualche news interessante a proposito:

leggete qui oppure quio senò qui!!

Questa sera ne sapremo di più.

Stay tuned!

Posted in Generale | 109 Comments

Vicenza je svet

Ora sono troppo stanca per resoconti e foto…

domani sarò più prolissa, lo giuro su nicola dibbbari.

Posted in Generale | 166 Comments

Corteo serbo a vicenza

CORTEO DOMENICA A VICENZA

La giornata mondiale della protesta dei serbi, organizzata e comunicata dal Ministero dell’Emigrazione con una nota ufficiale, scatta domenica 24 febbraio alle 14 con una nuova serie di manifestazioni in tutta la Serbia e in ogni Paese dove vivono cittadini della repubblica di Belgrado.  Non ci sarà la Chiesa ortodossa che pur invitando ogni fedele a pregare perché non si compia l’indipendenza del Kosovo, mantiene le distanze dalla politica. Ci si ritrova (forse!!!)un po’ prima della caserma Ederle e dopo aver manifestato il No alla decisione americana sfileremo fino a ponte degli Angeli.  A chiudere la protesta una lettera ufficiale da recapitare alle autorità italiane e locali. Dopo i fatti di Belgrado, con ambasciate europee e Usa prese d’assalto, la questura ha deciso di invitare i responsabili a cambiare percorso, spostando il punto di ritrovo da viale della Pace allo Stadio. Nonostante le rassicurazioni sulla natura pacifica della iniziativa – ci saranno intere famiglie –  è a rischio (?!) il passaggio in viale della pace di fronte alla caserma Ederle(!!!???) Stando alle ultime notizie, sembrerebbero diverse centinaia, forse anche un migliaio, i partecipanti al corteo, segno di una rabbia crescente anche qui da noi nella numerosa comunità serba.  In sostanza il luogo dl concentramento è acora ignoto…staremo a vedere :)

I love YU

fonti: http://blog.libero.it/ATEGODITODEVAGHE/4154584.html

http://www.ilgiornaledivicenza.it/

 

Posted in Generale | 1,212 Comments

Il Kosovo fa festa e la Serbia si ribella

Notizie delle ultime ore:

Il Kosovo si e’ dichiarato "Stato indipendente e sovrano". La proclamazione e’ stata fatta quest’oggi dal parlamento di Pristina su proposta del premier, Hashim Thaci.La Serbia "non riconoscera’ mai l’indipendenza del Kosovo", ha detto il presidente serbo. Belgrado, ha aggiunto, "ha reagito e reagira’ con tutti i mezzi pacifici, diplomatici e legali per annullare quanto messo in atto dalle istituzioni del Kosovo". Piu’ duro il primo ministro, che ha definito il Kosovo uno "Stato fasullo", la cui nascita e’ stata voluta dagli Stati Uniti "pronti a violare l’ordine internazionale per i propri interessi". Non appena nato, lo Stato del Kosovo si e’ guadagnato un nemico. La Russia, alleata di Belgrado, ha chiesto che la dichiarazione di indipendenza sia "annullata" dalle missioni sul posto della Nato e dell’ONU e ottenuto la convocazione d’urgenza per le 19 (ora italiana) del Consiglio di Sicurezza del palazzo di Vetro, dove appoggera’ tutte le rivendicazioni di reintegro territoriale fatte dalla Serbia. La decisione di Pristina, ha affermato Mosca, "rischia di scatenare un’escalation della tensione e della violenza interetnica nella provincia e un nuovo conflitto.

Nella foto: manifestazione a Belgrado
Nel frattempo a Belgrado e a Novi Sad sale la tensione ma anche a Kosovska Mitrovica:
Nel tardo pomeriggio di oggi, c’è stata un’esplosione presso gli edifici che ospitano le rappresentanze di Unione europea e Onu a Kosovska Mitrovica. Provacata, probabilmente, da bombe a mano.
A Belgrado nelle stesse ore centinaia di manifestanti serbi hanno invece attaccato e seriamente danneggiato un ristorante McDonald’s nel centro della città. Fonti giornalistiche nella capitale serba hanno riferito di una situazione molto tesa nell’intera città, dove in vari punti si registrano scontri e scaramucce di varia entità tra polizia e manifestanti anti-Kosovo. Il bilancio finora – hanno detto le fonti – è di 10 poliziotti e otto manifestanti feriti e ricoverati in ospedale.

Situazione molto tesa anche a Novi Sad, la seconda città della Serbia quasi 80 chilometri a nord di Belgrado, dove circa 500 manifestanti hanno attaccato un centro commerciale della catena slovena Merkator. A difesa del centro commerciale si sono schierato un centinaio di agenti della polizia serba. La Slovenia, prima repubblica della ex Jugoslavia a dichiarare l’indipendenza, detiene attualmente la presidenza di turno dell’Unione europea, che sostiene l’indipendenza di Pristina.


Giorni fa un ordigno era esploso in un altro centro commerciale della stessa catena slovena a Belgrado, provocando per fortuna solo danni materiali. Sempre a Novi Sad gruppi di manifestanti anti-Kosovo hanno infranto stasera i vetri di un altro ristorante McDonald’s, danneggiando due forni di proprietà di kosovari.

E una manifestazione popolare contro l’indipendenza del Kosovo si terrà a Belgrado il 21 febbraio prossimo. L’annuncio è giunto al termine di una riunione urgente nella capitale tra il presidente serbo Boris Tadic, il premier Vojislav Kostunica e il leader del maggiore partito dell’opposizione ultranazionalista Tomislav Nikolic.

god save the balkans
fonti: androkonos, larepubblica.it, ansa balcani, beograd92

Posted in Generale | 99 Comments